Home > Asili news > Emergenza freddo in Piemonte

Il settimanale di approfondimento TV7, a cura della redazione Speciali del TG1, ha realizzato un servizio sull’emergenza freddo di questi giorni in Italia e in particolare in Piemonte.
Alcune interviste sono state realizzate presso gli Asili Notturni Umberto I di Torino.
Il servizio è andato in onda il 13 Gennaio 2017.

A Torino, di notte, sono i giorni del grande freddo. Neve, temperature polari, città deserta. In strada resta chi ha una casa di cartone. Sono 1650 i senza tetto nel capoluogo piemontese, 50.700 in Italia. Quartiere San Salvario. Elvio, nel 2010 faceva il tecnico, ha perso il lavoro e la casa ed è finito a dormire sul marciapiede. Il suo punto di riferimento sono diventati gli ambulatori degli Asili Notturni. Ci sono medici volontari pronti ad assistere chi ha bisogno. Una mensa e un dormitorio. “La prima notte che sono stato qui – racconta al Tg1- è stato un po’ uno choc, avevo dormito nella piazza di Moncalieri. Non ho nulla”. “Più del 40% dei nostri afferenti sono italiani -dice Piero Di Girolamo, direttore degli Asili- non hanno più solo bisogno dell’antibiotico, dell’antipiretico perché hanno l’influenza, ma hanno bisogno di un’assistenza un po’ più complessa che va dal farmaco che può essere salvavita per alcuni soggetti, alla necessità di fare accertamenti che loro non avrebbero nessuna possibilità di fare in alternativa. Questi sono giorni del grande freddo che acuiscono in modo più tangibile un problema che c’è anche quando ci sono 40 gradi”. E “tutti gli anni qualcuno ci lascia” dice Elvio. Marino nella vita fa il fotografo, e tutte le sere va agli Asili a dare una mano. Conosce una per una le persone che vengono a chiedere un pasto caldo. “La porta è sempre aperta. Qui – assicura- viene a mangiare chi ha fame. Non chiediamo assolutamente nulla. Diamo 100 mila pasti caldi all’anno. Ho cominciato a fare il volontario anni fa. Una laurea non ti serve. Ho imparato l’altro lato della verità”