Home > Asili news > Parrucchiere e Podologo gratis per i senza tetto di Torino
facciataAsili2

PARRUCCHIERE E PODOLOGO GRATIS PER I SENZA TETTO DI TORINO

MA ANCHE AMBULATORI MEDICI, STUDI DENTISTICI, PSICOTERAPIA, ASSISTENZA LEGALE, PER GLI OSPITI DEL CENTRO D’ACCOGLIENZA TORINESE E, RECENTEMENTE,SCREENING GRATUITO CON TEST RAPIDO PER HIV.

Gli Asili Notturni Umberto I hanno ulteriormente esteso il proprio raggio d’azione aprendosi a nuovi spazi d’intervento e di aiuto verso le fasce più deboli dei cittadini grandi e piccoli della nostra città facendo rete con le Istituzioni alla luce del cosiddetto welfare mix, un funzionale connubio tra risorse pubbliche e private. Oltre al dormitorio e alla mensa, hanno infatti realizzato un attrezzato ambulatorio medico, studi dentistici con apparecchiature all’avanguardia per adulti e bambini, un ambulatorio oculistico, un centro di prevenzione e cura del disagio psichico, un servizio di assistenza legale e, recentissimo, un ambulatorio cardiologico con il patrocinio del Comune. Questi i principali servizi offerti dal dormitorio, a titolo completamente gratuito, ai quali si aggiungeranno presto i parrucchieri per uomo e donna, che affiancheranno il podologo già operativo da tempo. Agli Asili Notturni, infatti, salvaguardare la dignità di coloro che appartengono alla periferia del mondo è sempre stato prioritario. E, recentemente, anche un progetto di screening con test a risposta rapida per HIV gratuito. In particolare vengono testati i pazienti che si rivolgono agli studi odontoiatrici che rappresentano una popolazione omogenea e a bassa soglia, sovente con stili comportamentali a rischio (tossicodipendenza, prostituzione, ecc). L’accordo con il centro di riferimento (Ospedale Infettivologico Amedeo di Savoia) fa sì che i casi di reattività al test vengano immediatamente presi in carico per le cure necessarie. Il test eseguito su saliva è molto affidabile, di facilissima esecuzione, e richiede solo pochi minuti per la lettura. In Italia sono circa 4000 l’anno i nuovi casi di infezione da HIV ma  purtroppo circa il 40-50% riguarda persone che giungono alla diagnosi in fase già avanzata di malattia (AIDS). In Piemonte, in particolare, l’HIV continua ad  essere un problema rilevante in termini di impatto sulla salute come confermato dal servizio di sorveglianza epidemiologica (SEREMI); il numero di sieropositivi ha un trend in crescita nell’ultimo decennio con prevalenza fra  gli uomini colpiti quasi tre volte di più delle donne, mentre la fascia di età maggiormente interessata è fra 45 e 54 anni. Ma niente di tutto questo sarebbe stato possibile senza il prezioso impegno dei volontari e dei sostenitori che, con la loro competenza, professionalità e generosità, esprimono il valore aggiunto che questa realtà torinese attribuisce al termine “solidarietà”. Non si tratta di retorica, ma di fatti concreti che è possibile toccare con mano facendo un salto nella sede degli Asili Notturni Umberto I,  a Torino, in Via Ormea, 119/121.